Cambiare.

I giorni si susseguono, uno dopo l’altro, quasi tutti uguali. La pioggia ha lasciato posto a un sole bellissimo. Comincio ad avere qualche abitudine. Abitudini nuove, ma sempre pericolose: credo che siano proprio queste che cominciano a legarci irrimediabilmente a un luogo e che rendono il distacco piacevolmente doloroso.

Piacevole perchè la partenza da qualsiasi luogo rappresenta una rinascita e l’inseguimento di un sogno o di se stessi. Un sapore agrodolce, dietro cui si cela il dolore inevitabile della partenza: l’interruzione delle connessioni che necessariamente si creano e la paura di dover ricostruire tutto da capo, un’altra volta.

La partenza è un’eventualità a cui mi devo preparare, nel caso in cui qualcosa non andasse nella direzione che avevo ipotizzato. Nel frattempo, dovrei cominciare a rimboccarmi le maniche e cercare seriamente lavoro. La prima prova come cameriera è stata quasi un disastro su tutti i fronti e, forse per la prima volta nella mia vita, sono stata davvero felice di non essere presa in considerazione.

Insomma, la vita a Byron scorre tranquilla e lenta, lasciandoti il tempo per pensare a te stesso e a quello che vuoi. Io adesso voglio un telo mare e una vista come questa.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...